Connect with us

Tecnologie

Whatsapp, cosa sta per cambiare con i QR CODE? Questi utenti dovranno adattarsi

Pubblicato

su

Settimane di cambiamenti importanti in casa Whatsapp. La più nota app di messaggistica al mondo sta introducendo progressivamente tutta una serie di novità importanti che stanno rivoluzionando l’esperienza degli utenti. E nei prossimi giorni potrebbero essercene delle altre. Facciamo il punto.

Whatsapp, tutto sugli ultimi aggiornamenti – (ilcorrieredellacitta.com)

Whatsapp cambia e si rinnova. Quasi completamente. Negli ultimi mesi stiamo assistendo a importanti modifiche che hanno reso l’applicazione profondamente diversa rispetto alle precedenti versioni: in particolare l’ultimo aggiornamento ha modificato anche il layout dell’app, con le voci del menù spostate dall’alto verso il basso. Ma è soltanto una delle tante novità introdotte recentemente dal colosso oggi nell’orbita di Meta: sì perché ora un ulteriore aggiornamento potrebbe andare ad incidere anche sui QR code. Vediamo in che modo.

Aggiornamenti Whatsapp: cosa accadrà a breve, utenti in (trepidante) attesa

Senza dubbio però – restando in tema di aggiornamenti Whatsapp – è una la novità che tutti stanno aspettando. Il che merita una rapida menzione prima di approfondire il focus odierno di questo nostro articolo. Sì perché sono attese a breve novità per quanto riguarda la modalità che permetterà di tradurre in testo i messaggi audio (qui la nostra guida completa sull’argomento).

Whatsapp, cosa cambierà con i QR code? – (ilcorrieredellacitta.com)

Il voice to text è infatti probabilmente la novità più attesa dai milioni di utenti che utilizzano ogni giorno l’applicazione di messaggistica. Una funzione che, di fatto, permetterà di equiparare gli audio ai normali messaggi di testo, aggirando la “noiosa” attesa (purtroppo è così) del dover ascoltare minuti e minuti di conversazioni. Un “problema” ormai non più mitigato nemmeno dalla possibilità di aumentare la velocità di riproduzione, altra novità che pure era stata introdotta da Meta in tempi relativamente recenti. Ora però tutto è destinato a cambiare. Che dire invece dei QR Code?

QR Code su Whatsapp: adesso sarà più facile inviarlo e scansionarlo

La novità, che presto potrebbe essere rilasciata a tutti gli utenti, riguarda la versione 2.24.7.3 resa disponibile in anteprima per gli sviluppatori. Ebbene, secondo gli esperti di WABetainfo con questa nuova funzione sarà molto più semplice condividere e scansionare il proprio codice QR UPI, ovvero quello utilizzato per effettuare dei pagamenti. 

Con le modifiche che verranno introdotte sarà possibile infatti scansionarlo direttamente dall’elenco delle chat, una scorciatoia utile insomma per tutti coloro che eseguono transazioni economiche sfruttando l’applicazione. Gli utenti, in sintesi, non dovranno navigare su più pagine o più schermate per eseguire dei pagamenti.

Quando sarà disponibile la nuova funzione 

Al momento chi ha aderito al programma per beta tester può già usufruire di questa nuova modalità. A breve poi sarà lanciata sul mercato: difficile fare previsioni certe – si attende chiaramente la “prova sul campo” della versione aggiornata – ma comunque i tempi non dovrebbero essere lunghi. 

Continua a leggere Whatsapp, cosa sta per cambiare con i QR CODE? Questi utenti dovranno adattarsi su Il Corriere della Città.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tecnologie

Whatsapp, con la nuova truffa del codice a 6 cifre ti rubano il profilo: a cosa fare attenzione

Pubblicato

su

By

Una nuova pericolosissima truffa si è diffusa in questi ultimi tempi ed ha già fatto tantissime “vittime”. I malviventi, in pochi istanti, sono in grado di appropriarsi di qualsiasi profilo Whatsapp, rubando a tutti gli effetti l’identità della persona che lo utilizza. Vediamo come funziona e soprattutto come ci si può difendere.

Come funziona la truffa Whatsapp, attenzione all’SMS trappola – (ilcorrieredellacitta.com)

Nuove forme di raggiro e truffe sempre più ingegnose in grado di ingannare anche gli utenti più esperti. Di come agiscano i cybercriminali per impossessarsi delle nostre informazioni personali, tra cui dati sensibili e soprattutto codici di accesso ai sistemi bancari, vi abbiamo parlato spesso nei nostri articoli. Stavolta però in ballo c’è forse anche di più: stiamo parlando della truffa con cui i malviventi sono in grado di prendere il controllo del nostro account Whatsapp, “buttandoci” fuori e impedendoci poi di rientrare. 

Ancora una volta il grimaldello utilizzato è l’SMS: praticamente nessuno li usa più, eppure quando ne riceviamo uno – specie se si tratta di truffe – siamo spinti a fare quello che ci viene richiesto. Senza farci troppe domande: finendo così nella trappola informatica. 

Come funzionano le truffe con l’SMS: a cosa fare attenzione

Queste tipologie di truffe infatti utilizzano sempre come esca un link oppure, come vedremo nel caso della nuova truffa di Whatsapp, un codice da inoltrare ad un contatto. Ma perché queste tecniche funzionano? Le risposte sono molteplici. Il primo fattore, spesso decisivo, è il tempo. Spesso andiamo così di fretta, presi dalle attività quotidiane, che eseguiamo operazioni meccanicamente senza leggere attentamente il contenuto dei messaggi. Un secondo motivo è che, ovviamente, i truffatori giocano su argomenti super popolari: come un fantomatico pacco in giacenza, una spedizione da sbloccare, un pagamento sospetto dal proprio conto e così via. 

Tutte motivazioni plausibili con cui traggono in inganno le vittime spingendole a cadere nel raggiro. E il bello è che sono gli utenti stessi a fornire deliberatamente le informazioni richieste, tanto che poi presentare reclamo (ad esempio con la propria banca) non sempre è facilissimo. Diventa allora fondamentale prestare la massima attenzione quando si riceve un messaggio soprattutto se ci invita a fare un qualcosa di “sospetto”: ecco in questi casi, se proprio abbiamo un dubbio, usiamo i contatti ufficiali degli enti tirati in ballo. Ma non clicchiamo mai sui link e non inoltriamo a chissà chi codici o altri dati che potrebbero esporci a rischi. 

Attenzione alla truffa “INPS Comunica”: l’SMS esca che sta ingannando tutti (ilcorrieredellacitta.com)

Come funziona la truffa Whatsapp: ti rubano l’account con una sola mossa

Per quanto riguarda la truffa del codice a 6 cifre di Whatsapp il meccanismo è lo stesso. Qualcuno, forse all’apparenza perfino un contatto che conosciamo, ci scrive dicendoci di averci inviato per errore per l’appunto un codice e di inoltrarglielo. All’apparenza non sembrerebbe esserci nulla di strano, quindi potremmo essere spinti a copiarlo e ad inoltrarlo a chi ce lo sta chiedendo. Ma a quel punto la truffa è già partita. 

Esempio di codice temporaneo ricevuto – (ilcorrieredellacitta.com)

Cosa è successo allora? Praticamente il cybercriminale sta provando a modificare il numero dell’account Whastapp mediante la funzione “cambia numero”. Un procedimento che bene o male tutti noi conosciamo, dato che lo sfruttiamo quando cambiamo utenza telefonica senza perdere per questo le nostre chat. Il sistema consente infatti di associare il nuovo numero all’account della piattaforma di messaggistica istantanea, eliminando quello vecchio. 

Come difendersi

In altre parole, forse per distrazione come dicevamo prima, fornendo al malvivente il codice a sei cifre altro non stiamo facendo che dargli l’autorizzazione al cambio di numero. L’OTP inviato è infatti proprio il codice temporaneo richiesto dalla piattaforma per acconsentire all’operazione: in pratica, senza volerlo, siamo noi stessi a spalancare le porte al ladro digitale. E rientrare in possesso del nostro account – dove spesso condividiamo sempre più spesso dati sensibili – potrebbe essere molto complicato. Prestiamo dunque la massima attenzione e non forniamo mai a nessuno il codice ricevuto via SMS.

Continua a leggere Whatsapp, con la nuova truffa del codice a 6 cifre ti rubano il profilo: a cosa fare attenzione su Il Corriere della Città.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Tecnologie

Whatsapp, la guida pratica per ascoltare i messaggi audio senza risultare online: sicuramente mi ringrazierai

Pubblicato

su

By

Le famigerate spunte blu introdotte ormai da tempo su Whatsapp hanno spinto molti a trovare dei sistemi “alternativi” per leggere i messaggi senza farlo sapere al mittente. Di questo argomento ci siamo occupati diverse volte nei nostri articoli svelandovi alcuni semplici trucchetti per aggirare la piattaforma di Meta. Ma è possibile fare lo stesso con gli audio? Scopriamolo insieme.

Ascoltare messaggi audio su Whatsapp senza farsi vedere, è possibile? – (ilcorrieredellacitta.com)

“Fatta la legge, trovato l’inganno”. Questo vecchio proverbio – mai così attuale quanto nel nostro Paese – si adatta perfettamente anche al modo in cui utilizziamo la principale app di messaggistica al mondo, ovvero Whatsapp. Se da un lato infatti gli utilizzatori si sono mossi nella direzione di garantire la massima trasparenza tra gli interlocutori nelle chat, dall’altro gli utenti hanno di pari passo cercato delle scappatoie per non dire proprio…tutto, tutto, ecco. O almeno non nei modi stabiliti da Meta.

Certo, la stessa società sviluppatrice ha introdotto delle funzioni per tutelare la privacy, come la possibilità di nascondere il proprio accesso o quando si è online (e perfino togliere anche la spunta blu stessa dai messaggi ricevuti), tuttavia sono nati parallelamente tutta una serie di stratagemmi per aggirare le regole fingendo un’apparente trasparenza. Tra questi ci sono proprio i trucchetti per non far sapere agli altri di aver letto un messaggio senza dover per forza intervenire sulle impostazioni dell’app. 

Come leggere i messaggi su Whatsapp all’insaputa di chi ce li ha mandati

In altre parole, senza toccare spunte blu o agire sulle impostazioni circa il nostro stato, possiamo comunque leggere un messaggio ricevuto senza darne conferma al mittente. Tra i modi di cui ci siamo occupati (leggi qui la guida completa sull’argomento) senza dubbio il più efficace è quello di attivare la modalità aereo. Sicuramente è un metodo un po’ laborioso ma è quello che vi consentirà di “congelare” il tempo dandovi modo di leggere con calma tutti i messaggi, compreso quelli di cui proprio non volete far sapere a chi ve l’ha mandato, o almeno non subito, che lo avete aperto.

Messaggi audio, ascoltarli in incognito è possibile: la guida – (ilcorrieredellacitta.com)

In alternativa ci sono ovviamente le anteprime delle notifiche, anche se così facendo potrete leggere solo parzialmente i messaggi; oppure, ancora, sfruttare le possibilità di un “metodo segreto” di cui vi abbiamo spiegato tutti i dettagli in questo articolo. Quest’ultima possibilità è, a nostro avviso, il miglior compromesso che vi permetterà di gestire al meglio le chat di Whatsapp totalmente in incognito. No, niente spoiler, per sapere come funziona basta cliccare qui e leggere la guida completa

Come ascoltare i messaggi audio su Whatsapp senza risultare online: la guida con tutti i metodi

Arriviamo così alla domanda con cui abbiamo aperto il nostro articolo: è possibile fare la stessa cosa con gli audio? E se sì come? Ebbene, innanzitutto possiamo dirvi che alcuni dei metodi citati nel precedente paragrafo sono applicabili anche in questa particolare circostanza. E’ il caso ad esempio della modalità aereo: così come per i normali messaggi di testo anche gli audio possono essere ascoltati senza dare conferma della ricezione al mittente. Attenzione però: secondo alcune indiscrezioni che circolano in rete, alcuni dispositivi invierebbero comunque la notifica al momento della riattivazione della connessione dati/wi-fi. Un consiglio allora: fate prima delle prove e controllate che il vostro smartphone non vi faccia brutti scherzi. 

Il gruppo “vuoto”

Un secondo metodo testato per ascoltare i messaggi audio in incognito è quello di inoltrarlo ad un gruppo vuoto in modo tale da sentirlo attraverso una via secondaria e non direttamente da chi ce lo ha mandato. Adesso Whatsapp consente di avere anche delle chat “collettive” con noi stessi (scusate l’ossimoro), dunque è ancora più semplice avere un gruppo ‘contenitore’ dove ascoltare in tutta calma gli audio. 

Con questa applicazione ascolterai i messaggi Whatsapp senza farti scoprire

Esiste poi un terzo metodo che sembrerebbe raggiungere lo scopo allo stesso modo. Anzi, probabilmente, tra quelli elencati, è il migliore. Si tratta di un’applicazione scaricabile gratuitamente dal Play Store (al momento non c’è una versione iOs, ndr). Si chiama “Opus Player“: in altre parole mediante questa app è possibile ascoltare parallelamente tutti i messaggi audio che riceviamo bypassando completamente Whatsapp

Come funziona

L’interfaccia è molto intuitiva. Nella schermata principale abbiamo le cartelle con il mese e l’anno di riferimento. Aprendone una troviamo le sottocartelle con il giorno e, facendo nuovamente tap su quello che ci interessa, potremo ascoltare tutti gli audio ricevuti. Senza che il nostro mittente lo sappia e mantenendo attive comunque le spunte blu.

L’app Opus Player – (ilcorrieredellacitta.com)

L’unica pecca, se di pecca possiamo parlare, è che nelle cartelle troveremo soltanto gli audio numerati in modo progressivo senza cioè avere il nome di chi ce lo ha mandato. Ad ogni modo basterà ascoltare gli ultimi ricevuti per sentire quello desiderato. Chiudiamo con un’altra funzionalità interessante di questa app: è disponibile infatti anche un widget per avere tutto comodamente a portata di mano sulla home del nostro smartphone. La proverete?

Continua a leggere Whatsapp, la guida pratica per ascoltare i messaggi audio senza risultare online: sicuramente mi ringrazierai su Il Corriere della Città.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Tecnologie

Google Drive, finalmente la novità tanto attesa è arrivata: grande notizia per tutti gli utenti

Pubblicato

su

By

Le novità dell’ultimo aggiornamento di Google Drive: ecco cosa troveranno gli utenti con l’utilizzo del supporto online.

I cambiamenti con il nuovo aggiornamento di Google Drive (credits @HTML.it) – Ilcorrieredellacitta.com

Arriva il tanto atteso aggiornamento di Google Drive. Tale nuova forma dell’applicazione dovrebbe rivoluzionare l’esperienza di utilizzo, considerato come andrà a toccare il servizio legato al cloud storage. Com’era stato annunciato da numerose testate specializzate in informatica e tecnologia, l’aggiornamento dovrebbe migliorare l’utilizzo della piattaforma da parte dell’utente: una nuova esperienza di utilizzo, ma anche nuove funzionalità da utilizzare in maniera più intuitiva e performante. 

Le novità con l’aggiornamento di Google Drive

Il primo aggiornamento che vedremo con l’apertura del Google Drive, sarà il nuovo interfaccia utente che avremo a disposizione: questo servizio si presenterà da oggi come più pulito, con meno opzioni che faciliteranno le modalità per navigare all’interno di questa piattaforma. La barra di navigazione è stata spostata dai programmatori della multinazionale, inserita adesso al lato sinistro dello schermo: questo cambiamento non solo sfrutta meglio lo spazio presente all’interno dello stesso schermo, ma dovrebbe agevolare l’utilizzo della piattaforma attraverso i tablet. 

Migliorata la sincronizzazione dei file

Altro miglioramento importante all’interno di Google Drive, è legato alla gestione dei file: in tal senso, sono state potenziate e migliorate le operazioni di sincronizzazione. Gli utenti potranno scegliere quali cartelle del loro pc sincronizzare con il proprio drive online, eseguendo anche un backup con Google Photos. Tale impostazione permetterà di accedere a tutti i contenuti dal proprio PC o MAC. 

Le novità dell’aggiornamento di Google Drive (credits @Positivo Informatica) – Ilcorrieredellacitta.com

L’utilizzo dei sistemi operativi

La vera rivoluzione di Google Drive sta nei sistemi operativi che potranno sopportarlo: da oggi, l’applicazione dovrebbe essere compatibile con tutti quelli in circolazione. Al momento, la stessa multinazionale ha annunciato che interromperà il supporto per il macOS 10.15 7, in un’operazione che sarà successiva al rilascio della versione 91 dello stesso Drive per desktop. 

Per gli utenti di macOS, quindi, ci sarà la necessità di scaricare l’aggiornamento 11.0 entro giugno 2024, così da poter ricevere ancora il supporto del Google Drive. 

La risoluzione dei bug

Il nuovo Google Drive guarda anche al miglioramento delle proprie prestazioni informatiche. L’ultimo aggiornamento ha guardato anche alla presenza storica di alcuni bug, che adesso dovrebbero essere finalmente risolti. Gli aggiustamenti, che erano tanto attesi dagli abituali utenti, promettono di rendere la navigazione più fluida e soprattutto affidabile. 

Con i molteplici interventi effettuati sul supporto online, Google Drive punta a offrire un servizio ancora più robusto per i propri utenti e soprattutto user-friendly. Il supporto dimostra di poter offrire ancora delle opzioni innovative al proprio utente, andando a rispondere soprattutto alle sue esigenze personali e professionali. 

Continua a leggere Google Drive, finalmente la novità tanto attesa è arrivata: grande notizia per tutti gli utenti su Il Corriere della Città.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Tendenza