Connect with us

Italia

Minorenni e criminali

Pubblicato

su

E criminali sono i due omicidi dell’altro giorno a Pescara e, minorenni, godranno però di tutte le tutele previste dall’ordinamento penale italiano

Si muovono in branco. Appartengono a tutte le classi sociali. Li definiscono baby gang. E spesso sono babycriminali. Baby assassini. Gli ultimi esemplari della specie sono diciassettenni come la loro vittima. È successo a Pescara. 25 coltellate. Volevano essere sicuri che morisse, evidentemente. Pare che la ‘ragione’ dell’omicidio sia un debito di droga di 250 euro. M’è venuto in mente “La città dei vivi”, il romanzo di Nicola Lagioia che ricostruisce l’orribile vicenda di Luca Varani, il 22enne ucciso a martellate senza un reale motivo. Così, per vedere l’effetto che fa, in una forma di impazzimento da parte di due omicidi posseduti da quelli che Alain Robbe-Grillet avrebbe definito «spostamenti progressivi del piacere intrisi di orgasmo sadico». 

La cronaca restituisce periodicamente crudeltà che sono tuttavia sempre coerenti con la contemporaneità, per frequenza e tipologia. Negli anni Settanta la maggior parte delle aggressioni (anche mortali) aveva caratura politica, ma non ne mancava nemmeno una nera-nera: fra gli episodi di cronaca più indigeribili dall’opinione pubblica il caso Maso, il massacro del Circeo, lo stupro subìto da Franca Rame nel 1973, quando quella violenza era ancora rubricata come indecenza contro la morale pubblica e non come crimine contro la persona (come solo in seguito sarà finalmente riconosciuta). E criminali sono i due omicidi dell’altro giorno a Pescara. Punto. Per la loro minore età, i presunti assassini godranno però di tutte le tutele previste dall’ordinamento penale italiano.

A questo punto è necessario fermarsi per una riflessione possibilmente priva di ipocrisia – e proprio per questo assai difficile – ricordando però, per dirla con Hegel, che se «la vendetta è sempre giusta, non è però mai giustizia». Ipocrisia vorrebbe che da homo sapiens tecnologicus e progressista (categoria da me testé inventata) mi mettessi qui a pontificare su tutti quei mali della società (dagli iPad a “X Factor”, passando per Sanremo) che direttamente e/o indirettamente hanno infiltrato le anime belle di quei due pargoli pescaresi – sempre che siano stati loro gli autori del crimine – trasformandoli negli ultimi mostri per talk show di bocca buona. Invece no. Esiste la responsabilità individuale. Una responsabilità che nell’arco del tempo – per esempio da quegli anni Settanta citati – è assai cambiata, parallelamente a un ingresso nel mondo degli adulti che oggi avviene molto prima in ogni campo, a cominciare da quello sessuale.

Si sta discutendo se abbassare il limite per la patente a 16 anni, come in alcuni Stati americani: un traguardo per i teenager di oggi come il raggiungimento della maggiore età ai miei tempi (fino al 1975 rimase fissata a 21 anni). Il Codice di procedura penale andrebbe dunque ripensato, perché le azioni criminali compiute da moltissimi minorenni rispondono a dinamiche, situazioni, comportamenti ‘adulti’. Il discorso su una società che favorisce per forma e sostanza l’esercizio della violenza (vedi i femminicidi che restano sugli stessi livelli ogni anno) va fatto, ma senza ipocrisie di comodo e senza arrivare alle conclusioni (soluzioni) assai restrittive di quel bontempone di Hobbes e del di lui collega Locke.

di Pino Casamassima

L’articolo Minorenni e criminali proviene da La Ragione.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Italia

Inchiesta, Toti: la Procura potrebbe chiedere giudizio immediato

Pubblicato

su

By

Un comunicato Ansa di oggi prefigura la possibile richiesta della Procura di richiedere il giudizio immediato per il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti saltando l’udienza preliminare.

Nel comunicato viene anche ipotizzato un nuovo possibile illecito. relativo alle elezioni politiche del settembre 2022. che vedrebbe coinvolto Maurizio Rossi proprietario di Ptv Programmazioni televisive che edita Primocanale che, lo ricordiamo, nulla c’entra con l’inchiesta in corso, nonché proprietario di Terrazza Colombo.
Il giudizio immediato che potrebbe essere richiesto è unicamente rivolto a Toti mentre per quanto riguarda Rossi l’avvocato difensore Scodnik sottolinea che “ si tratta di una ipotesi investigativa che in questo caso appare davvero eccessivamente fantasiosa”.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Italia

Omoda e Jaecoo, ecco il sistema Super Hybrid

Pubblicato

su

By

Per chi ha dubbi sulla propulsione 100% elettrica, le motorizzazioni PHEV (ibride plug-in) rappresentano una scelta alternativa

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Italia

Autonomia, il 26 luglio convegno della Lega con Calderoli

Pubblicato

su

By

GENOVA – “Autonomia: sfide e opportunità per la Liguria”. È questo il nome del convegno che vedrà anche la partecipazione del viceministro Edoardo Rixi. “L’Autonomia differenziata rappresenta un’importante opportunità per le regioni, nell’incontro che abbiamo organizzato come gruppo regionale Lega Liguria Salvini, avremo modo di fornire un quadro chiaro e dettagliato dell’Autonomia differenziata e discutere quali saranno i vari vantaggi per le regioni – fanno sapere dal gruppo Lega Liguria -. Con un confronto aperto alla società civile verranno spiegati tutti i prossimi passaggi che porteranno all’attuazione dell’Autonomia”.

Al convegno, fissato per il giorno venerdì 26 luglio, alle 11 nella sala Liguri nel Mondo, in via Fieschi 15, a Genova, parteciperanno il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Roberto Calderoli, il vice ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Edoardo Rixi, il presidente ad interim della Regione Liguria Alessandro Piana, il vice sindaco del comune di Genova Pietro Piciocchi.

“La Liguria è stata una delle prime Regioni italiane a sostenere il percorso verso l’Autonomia differenziata. Un momento di confronto sulla legge entrata in vigore il 13 luglio, l’apice di una battaglia storica vinta dalla Lega che conferirà maggior potere decisionale alle Regioni migliorando la gestione locale e offrendo risposte più mirate alle necessità di ciascun territorio” si legge nella nota del consiglieri Mai, Viale, Garibaldi, Brunetto e Medusei.

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Tendenza