Connect with us

Italia

Consiglio regionale, Riolfo lascia la Lega: il duro attacco del partito

Pubblicato

su

GENOVA – L’oramai ex vicecapogruppo della Lega in consiglio regionale Mabel Riolfo lascia lo scanno del Carroccio e passa al Gruppo Misto, sempre in maggioranza. Alla base della sua decisione una sempre maggiore divergenza di pensiero e di opinioni con il partito, che è crescita soprattutto negli ultimi mesi. 

“Non sussistono più le condizioni per rimanere nella Lega, è stata una decisione sofferta e maturata con il tempo, ma ho capito che non potevo continuare un percorso che non è più il mio – ha spiegato la consigliera regionale Mabel Riolfo -. Voglio ringraziare i miei colleghi di partito per il lavoro fatto in questi anni. Il mio impegno rimarrà lo stesso, continuerò a lavorare e a essere in maggioranza nel sostegno al presidente Toti”.

Uno strappo che era nell’aria, soprattutto per il taglio “liberale e moderato” del profilo di Mabel Riolfo, ultimamente lontana dalla scelta di virare decisamente a destra del partito di Matteo Salvini. Nel frattempo nei corridoi del consiglio regionale la voce che si rimpalla, è che il prossimo passaggio, dopo il Gruppo Misto sia, per Riolfo, Forza Italia (come anticipato da Primocanale) LEGGI QUI. E i sorrisi di Mario Mascia ieri a “Il programma politico di Primocanale”, e quello dei consiglieri regionali azzurri oggi, fanno capire che l’ascesa del partito di Berlusconi prosegue, con nuovi innesti. 

Non si è fatta attendere la dura risposta della Lega, che ha attaccato frontalmente Mabel Riolfo, definendola “ingrata” e “assenteista”. Di seguito la nota del partito, attraverso la quale si chiede alla consigliera di lasciare il consiglio regionale.

“La Lega non è una barca sulla quale si sale solo quando fa comodo e dalla quale si scende se il mare si agita. Il consigliere Mabel Riolfo, senza confrontarsi con nessuno di noi e senza coinvolgerci nella sua decisione, ha comunicato le dimissioni dal gruppo, pur restando in consiglio regionale e aderendo al gruppo Misto. Riolfo è stata eletta in Regione unicamente grazie ai voti della Lega e al supporto di tanti nostri sostenitori e militanti, ma è evidente che oggi non si sente più in dovere di rappresentarli. Da qualche tempo Riolfo era insofferente. Se non condivide più lo spirito del partito, ammesso che lo abbia mai davvero condiviso, è giusto non solo che lasci il gruppo, ma anche la carica da Consigliere regionale che ha avuto grazie alla Lega e alle dimissioni del vicepresidente Alessandro Piana. Ci auguriamo che dietro la sua uscita dalla Lega non si celi la volontà di passare in Forza Italia, perché per noi i cambi di casacca non sono tollerabili”.

A commentare la fuoriuscita di Mabel Riolfo dalla Lega anche il partito di Imperia.

“Ringraziamo la consigliera Mabel Riolfo per il lavoro che ha svolto fin qua, ma credo sia corretto fornire alcuni chiarimenti. Nel 2019 l’Avvocato Riolfo si è candidata alle elezioni comunali a Ventimiglia senza raggiungere i voti necessari per essere eletta. La Lega ha premiato i suoi sforzi ripescandola come assessore. L’anno successivo è stata candidata alle elezioni regionali: seconda per preferenze e prima dei non eletti grazie al traino di tutto il partito, viene ripescata ancora grazie alle dimissioni di Alessandro Piana nominato assessore e vice presidente della Regione. Alle ultime Amministrative a Ventimiglia si candida e raccoglie meno voti rispetto al 2019. Nonostante tutto, di recente è stata anche valorizzata col ruolo di vice capogruppo in Consiglio regionale subentrando ad Alessio Piana quando è stato nominato assessore. Da un po’ di tempo avevamo notato il suo totale disinteresse alla vita del movimento, adducendo scuse di ogni tipo. Ad esempio, ha partecipato soltanto a 3 direttivi provinciali su 14 convocati. Per qualcuno ‘l’ingratitudine nasce dall’impossibilità di sdebitarsi’. Riolfo ha rotto il patto con gli elettori, per questo non le resta che onorare il suo percorso con le dimissioni dal consiglio regionale”.

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Italia

Regionali, Beppe Sala ai progressisti: “Senza centro non si vince”

Pubblicato

su

By

GENOVA – Mattinata genovese per il sindaco di Milano Beppe Sala, invitato nel capoluogo ligure dal deputato e sindaco di Bogliasco Luca Pastorino, rientrato da qualche mese nel Partito Democratico. L’occasione era quella per lanciare la volata dei rappresentanti dem alle Europee dell’8 e 9 giugno prossimi, e per parlare non solo di Europa ma anche di Liguria, a partire dalle infrastrutture. Perché il dualismo Genova-Milano può diventare un’asse strategica per le due città, ma per farlo dovrà svilupparsi e far uscire dall’isolamento infrastrutturale la Liguria. “Il vostro territorio è tra i più sottovalutati del Nord Italia e deve fare il salto di qualità – così ha parlato alla platea il primo cittadino di Milano Beppe Sala -. Dobbiamo fare sistema e per farlo bisogna migliorare la vostra città e la vostra regione, partendo dai fondi del Pnrr e dal porto”.

Per il manager milanese è stata anche l’occasione per commentare l’inchiesta giudiziaria che si è abbattuta sulla Liguria a partire dal 7 maggio scorso e che ha portato agli arresti domiciliari il presidente Giovanni Toti. “Partiamo dal presupposto che fino alle elezioni (l’election day dell’8 e 9 giugno ndr) non succederà nulla, ma vediamo cosa accadrà nei giorni successivi – ha commentato Sala -. Non voglio entrare nella coscienza del presidente ligure ma è chiaro che il tempo non si può più perdere a partire dal Pnrr che impone un limite temporale preciso per gli investimenti, e in secondo luogo crediamo che questi investimenti abbiano senso per un territorio ampio, e anche Milano e tutto il sistema del Nord Ovest spingerà per una soluzione”. E sul rapporto con il sindaco Marco Bucci, Sala ribadisce la sua attenzione nel lasciarlo libero alle riflessioni, definendolo però una “persona a posto”, nonostante il sistema dovrà essere la magistratura a dimostrarlo se “lo era oppure no”. Secondo Sala sarà lo stesso Bucci a voler arrivare a una soluzione e a non lasciare altro tempo in inattività Genova.

Esiste poi un’altra partita, più politica, e riguarda la possibile corsa al voto anticipato, qualora il presidente Giovanni Toti decidesse di dimettersi, o fosse sollecitato nel farlo. E allora, dall’alto dell’esperienza di Beppe Sala, ecco il monito per il centrosinistra ligure. “Il voto in Liguria lo conosco ed è molto complesso, Genova in Liguria conta più di quanto possa contare Milano in Lombardia, ma bisogna mettere insieme un po’ tutte le anime del centrosinistra e sottolineo anche il centro, senza il centro è difficile vincere a tutti i livelli, sia in Comune che in Regione, e anche a livello nazionale – il suggerimento ben poco velato del sindaco di Milano Beppe Sala -. Chi pensa di volersi candidare deve fare questo sforzo preventivo e mettere insieme tutti, se no la storia ha dimostrato che non si riesce a vincere”. Come dire: “amici della Liguria unitevi, dalla Sinistra passando per il Pd e il Mov5s, fino ad arrivare al centro di Azione e Italia Viva”. Un’impresa, al momento, tutt’altro che semplice, complicata anche per il miglior mediatore su piazza.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Italia

Licenziata dall’azienda per “giustificato motivo”: era stata stuprata da tre coetanei

Pubblicato

su

By

Un’azienda milanese ha ritenuto necessario procedere al licenziamento di una 32enne che circa un anno prima era stata violentata da un branco di coetanei

Era stata stuprata da tre ragazzi che reputava amici, durante una serata in un locale serale sui Navigli, simbolo della Milano da bere che fu. Troppo alcool, fu lei stessa ad ammetterlo quasi a giustificarsi. Uno shock, una ferita profonda e difficile da superare per una giovane 32enne, di origini torinesi ma arrivata nella città meneghina per inseguire il sogno della carriera in una importante azienda specializzata nel commercio di brand di lusso.

Con fatica e dolore aveva iniziato a riprendere la sua vita, rientrando a lavoro a pieno regime circa un anno dopo. Ma quando la fiducia verso il futuro aveva iniziato di nuovo a fare capolinea nella sua vita è arrivata l’ennesima batosta: una lettera di licenziamento. Per altro “per giustificato motivo” e con l’aggravante di aver addirittura cancellato la posizione di service merchandiser da lei ricoperta fino a quel momento per essere redistribuita “tra altri dipendenti attualmente impiegati presso di noi”.

La giovane aveva avuto necessità di ricorrere a sei mesi di mutua, molti dei quali passati in continui ricoveri in ospedale e interminabili sedute da psicologi e psichiatri. In un lungo articolo su “La Stampa” si legge anche i familiari hanno temuto un gesto estremo. Il ritorno a lavoro, seppur scandito da momenti di ottimismo ad altri di profonda tristezza, doveva servire anche come luce in fondo al tunnel.

Il 16 gennaio scorso, con una condanna a 3 anni e 7 mesi di reclusione con rito abbreviato e due rinvii a giudizio si è chiusa l’udienza a carico dei tre giovani, tra i 23 e i 27 anni, imputati per violenza sessuale di gruppo.

Ma questo non è bastato. La lettera dell’azienda è una lunga sequela di motivazioni robotiche: “Come le è noto il mercato in cui opera la società richiede il raggiungimento e il mantenimento di adeguati livelli di profittabilità. Al fine di conseguire tali obiettivi si rende necessario efficientare i nostri costi, aumentando la marginalità della nostra operatività”.

E il valore umano, tace.

di Raffaela Mercurio

L’articolo Licenziata dall’azienda per “giustificato motivo”: era stata stuprata da tre coetanei proviene da La Ragione.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Italia

Tajani a Genova incontra i militanti. Toti? “Sarà lui a decidere”

Pubblicato

su

By

https://www.youtube.com/embed/PNISra0pO9M?si=UtjJMiFi8Tf7Xhn_ 

GENOVA – “Toti è uscito da Forza Italia in modo burrascoso, non siamo nemmeno in Giunta, il futuro lo deciderà lui”: Antonio Tajani, ministro degli Esteri e leader del partito fondato da Silvio Berlusconi, ha parlato così di fronte al gazebo degli ‘azzurri’ in via Venti a Genova. Uno smarcamento, quello del ministro forzista, perfettamente comprensibile vista la battaglia per le elezioni europee in cui Tajani è impegnato in prima persona. 

“Noi dobbiamo spingere sul tasto del voto utile – ha spiegato ai suoi sostenitori – il Partito Popolare Europeo sarà al centro delle dinamiche più importanti anche nella prossima consigliatura europea, da noi passerà il voto decisivo per il nuovo presidente della Commissione, per questo dobbiamo ottenere il miglior risultato possibile”. 

L’obiettivo dichiarato di Forza Italia è quello di raggiungere la doppia cifra e, se possibile, superare nel gradimento degli elettori gli alleati della Lega: “Noi però non dobbiamo contenderci i voti all’interno del centro destra, noi dobbiamo occupare lo spazio politico che da Giorgia Meloni arriva a Elly Schlein, dobbiamo anche pescare nell’astensionismo convincendo gli italiani a votarci. Anche a questo gazebo – dice il ministro riferendosi alla visita genovese – vedo molto più entusiasmo rispetto a qualche anno fa: molti nostri militanti si erano forse un po’ disaffezionati negli ultimi anni, ora sono tornati e la cosa mi rende molto felice”. 

Tajani era accompagnato dai vertici regionali e provinciali del partito, Carlo Bagnasco e Mario Mascia, e proprio per il coordinatore genovese ha speso parole al miele: “Mascia rappresenta il modello del nostro assessore, uomo che parla poco e fa tanto; spiega le cose al nostro elettorato e dialoga costantemente con il partito a livello nazionale. Noi dobbiamo tutti fare come lui: non gridare, non alzare i toni, dobbiamo mostrarci rassicuranti verso gli elettori”. 

Al bagno di folla del gazebo genovese ha partecipato anche il Sindaco Marco Bucci: “Figuriamoci se non vengo a salutare un ministro in visita a Genova – ha dichiarato il primo cittadino – al Governo chiedo di continuare ad aiutarci come ha sempre fatto, l’esecutivo lo sento molto vicino”. Poi, dopo le dichiarazioni ufficiali, Bucci e Tajani hanno avuto un fitto dialogo durante il quale il sindaco ha spiegato al ministro l’importanza di non perdere la grande occasione infrastrutturale che è capitata a Genova: “Noi non possiamo lasciarci sfuggire questa straordinaria ondata di investimenti. In città sono arrivati più finanziamenti negli ultimi due anni che nei precedenti 30, se sprechiamo l’opportunità non avremo una seconda come minimo per i prossimi 15 anni”. 

Leggi tutto…

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Tendenza